L’amore necessario, Nadia Fusini

Titolo: L’amore necessario
Autore: Nadia Fusini
Data di pubblicazione: 2008
Edizione: Mondadori
Numero pagine: 130
Costo: 9€
-> Consigliato:  

Ho comprato questo libro in una pigra domenica pomeriggio, sono stata attirata dalla copertina(un dipinto di Alberto Castelli ‘Lovely Head’ del 2004) e dal nome Nadia Fusini, che conoscevo per essere stata la traduttrice di moltissimi autori come John Keats, Shakespeare, Samuel Beckett, Mary Shelley e per aver vinto nel 1995 il Premio Mondello per la Traduzione di “Le onde” di Virginia Woolf.

Dopo l’avventura sfortunata con Dickens e le sue ‘Grandi Speranze’ avevo voglia di leggere qualcosa di leggero ma che mi rapisse completamente: sono stata accontentata a meraviglia.

Sarà che la Fusini, da insegnante e traduttrice di opere classiche qual è avrà senza dubbio fatto suoi tanti vezzi che ritroviamo nei più famosi scrittori, sta di fatto che fin dalla prima pagina ho ritrovato dentro questo piccolo gioiellino di 130 pagine Shakespeare, Virgina Woolf, Simone DeBeauvoir, Jeanette Winterson, Sibilla Aleramo….. insomma un mix che non poteva non affascinarmi.

“L’amore necessario” è un monologo di una donna, che si ritrova sola in aeroporto e scrive al suo amore che sta per partire con una destinazione diversa dalla sua.
E’ una lunga, lunghissima lettera d’amore, dove lei, come chiunque si trovi ad un punto di svolta cerca di trarre le fila del suo rapporto, e capire cosa c’è che non è andato.

E’ colpevole di essere stata rapita dal Dio Amore,così lei lo chiama, e in suo nome ha commesso tante di quelle sciocchezze che a noi donne piacciono fare, giusto per farci del male; accettare che lui veda un’altra, fingere di non essere gelosa, rinfacciare gli errori, dimostrarsi distaccata con il cuore e l’anima in fiamme, con l’unico risultato di ritrovarsi sole, a fare i conti con errori e delusioni che ti saresti risparmiata se soltanto avessi avuto il coraggio di amare come il proprio cuore ti comandava.
Ma si sa, il cuore delle donne è una contraddizione continua, ed è noto quanto a noi piaccia tormentarci e crogiolarci nelle pene che il più delle volte siamo noi le prime ad infliggerci.

Un romanzo per le donne, per aiutarci a capire che l’amore più importante che dovremmo imparare ad osare, è senza dubbio quello per noi stesse.

“Quanto a te, non rivendico nessun diritto, a niente, nemmeno a una risposta.
Mi riconosco, invece, il dovere di amarti, perché tu sei il mio altro.
E il mio simile.
E se saprò amarti, anche tu mi amerai.
Perché Amor a nullo amato amar perdona.” 

Michela Bocchicchio 

Annunci

Informazioni su unbuonlibrounottimoamico2011

Un amore così grande per la lettura che farei qualunque cosa pur di fare in modo che viva. Vedi tutti gli articoli di unbuonlibrounottimoamico2011

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: