Tartarughe divine, Terry Pratchett

Titolo: Tartarughe divine
Titolo originale: Small Gods
Autore: Terry Pratchett
Cenni sull’autore: Terry Pratchett nasce a Beaconsfield, Inghilterra, nel 1948. Mostra precocemente una notevole attitudine alla scrittura, tanto che a tredici anni pubblica il suo primo racconto, The Hades Business, nel giornale della scuola; il racconto verrà ripubblicato sulla rivista “Science Fantasy” due anni dopo. Pubblica il primo romanzo, Il Popolo del tappeto, nel 1971. Nel 1983 esce Il colore della magia, il primo romanzo ambientato nel Mondo Disco. Nel 1987 decide di potersi finalmente dedicare a tempo pieno alla scrittura e lascia le centrali nucleari (dichiarando che su quella esperienza scriverebbe un romanzo, se pensasse che qualcuno gli crederebbe). Dalla fine degli anni Novanta i suoi libri vendono complessivamente oltre un milione di copie l’anno. Nel gennaio 2009 è stato insignito del titolo di Cavaliere dalla regina Elisabetta. Nel 2007 gli è stata diagnosticata una rara forma di morbo di Alzhaimer. Nonostante continui a lavorare e lottare contro la malattia, a inizio giugno 2011 ha iniziato il processo formale che potrebbe completarsi con il suicidio assistito.
Traduttore: Valentina Daniele
Anno di pubblicazione: 1992 / Salani 2011
Edizione: Salani
Numero pagine: 346
Costo: € 16,00
-> Consigliato: Sì, purché non viviate in una feroce teocrazia illiberale!

Puoi morire per il tuo paese, per il tuo popolo o la tua famiglia, ma per un dio dovresti vivere una vita piena e indaffarata, ogni giorno di una lunga esistenza.

Iniziamo subito con una confessione: non volevo leggere Small Gods. Non che non mi fidassi dell’autore: Terry Pratchett è uno scrittore di rara bravura, probabilmente il miglior umorista dei nostri tempi, e una delle cose più belle capitate alla letteratura negli ultimi tre o quattro decenni.

E non avevo certo pregiudizi sul genere, ci sono poche cose che apprezzo quanto un buon fantasy.

A insospettirmi era il tema principale del libro: la religione. Quando qualcuno scrive di religione, di solito lo fa perché ha una tesi da dimostrare. Persino Sterne finisce col rendere Tristam Shandy rancoroso e crudele quando tratta questo argomento.

Alla fine, però, una persona di fiducia, con insistiti e martellanti consigli, mi ha spinto a prenderlo (e quando dico “spinto” intendo “trasportato fisicamente in libreria e sorvegliato finché non ho recuperato, dopo estenuante ricerca, l’unica copia disponibile, accuratamente nascosta”). E ho scoperto che, in un certo senso, avevo ragione. E, in un certo senso, no.

Ma andiamo con ordine.

Tartarughe divine è uno dei romanzi della “serie del Mondo Disco”, numerosi libri (alcuni con personaggi ricorrenti, altri fondamentalmente autonomi) ambientati in un mondo che, per quanto piatto, dominato dalla magia e pieno di luoghi e creature straordinarie, ha la seccante abitudine a sembrare in fin troppi dei suoi aspetti una impietosa parodia del nostro.

Mondo Disco poggia sulla schiena di quattro enormi elefanti, che poggiano a loro volta sul guscio di una gigantesca tartaruga che nuota placida nello spazio. Lo sanno tutti: basta arrivare al bordo e affacciarsi per rendersene conto! Ed è un mondo pieno di dei: alcune potenti divinità adorate da milioni di fedeli, svariati modesti numi protettori di una o due tribù, e migliaia di piccoli dei che vagano per i luoghi più desolati, spiriti senza seguaci alla disperata ricerca di qualcuno che possa renderli forti grazie alla sua fede.

Ma nell’impero di Omnia le cose vengono viste in modo diverso: Om è l’unico Dio, che ha parlato attraverso i suoi Profeti, il mondo è una sfera che ruota intorno al sole e non esiste nessuna tartaruga gigante. E se qualcuno non concorda, le amorevoli mani della Quisizione sono pronte a prenderlo in consegna e ad assicurarsi la salvezza della sua anima, anche a scapito della salute del suo corpo.

Potete quindi immaginare la sorpresa di Brutha, novizio un po’ ottuso ma di buon cuore e fede incrollabile, quando una tartaruga arrivata chissà come nel suo campo di meloni inizia a parlargli, dicendo di essere il Grande Dio Om. Che però non ha idea del perché si trovi lì, e sembra non ricordare di aver mai detto nulla di ciò che è scritto nei libri dei Profeti

Nelle libri della maggior parte degli scrittori, date queste premesse, sarebbe facile immaginare la piega della storia, e la tesi dell’autore. Ma Pratchett non è la maggior parte degli scrittori. La tesi c’è, certo ma non è quella che ti aspetti! Invece di una scontata filippica sui mali della religione, ci viene offerta una spassosa riflessione sulla futilità di ogni tipo di certezza, un inno al relativismo e alla libertà di pensiero in cui ragione e fede, filosofia e scienza, ateismo e politeismo si scontrano, si scoprono e si vedono costretti ad accettarsi a vicenda, di fronte all’unica, umanissima verità di cui si può davvero essere sicuri: “Questo non è un gioco. Qui e ora, voi siete vivi”.

Da sola, però, la morale inaspettata non basterebbe a sostenere un romanzo, se trasmetterla fosse l’unico scopo dell’autore. Ma qui a sostenere il libro è una trama infarcita di trovate esilaranti, una scrittura scorrevole, piacevole e sempre accurata, che non si risparmia parodie e citazioni storiche e letterarie, e una carrellata di personaggi strepitosi, dall’agghiacciante inquisitore Vorbis (“Tu conosci il punto di rottura di tendini e muscoli, Diacono Cusp [] Io conosco il punto di rottura delle persone”) al cinico dio/tartaruga Om (“Lassù qualcuno mi ama. E sono io”), passando per l’ateo a dispetto di tutto Simony (“Coraggioso, a dichiararti ateo davanti al tuo Dio” “Questo non cambia niente, sai! Non credere di potermi evitare solo perché esisti”) e il filosofo Didaktylos, secondo una consolidata tradizione letteraria cieco, ma capace di vedere la realtà con più chiarezza di tutti gli altri (“La gente ti dirà che noi ciechi siamo dei veri esperti per quanto riguarda gli altri sensi. Ovviamente non è vero. I deficienti lo dicono solo perché li fa stare meglio [Ma quando non vedi impari ad ascoltare di più”). E su tutti Brutha, un amabile eroe per caso e riluttante che, una volta tanto, per caso e riluttante (nonché eroe) lo è davvero (no, non basta dirlo perché lo sia, cari i miei autori là fuori, dovete farlo agire come tale!).

Tutto bene, quindi? Non ne sono sicuro. Alla fine, questo libro non mi ha lasciato la stessa esaltazione delle opere migliori di Pratchett. Forse per colpa di quella ingombrante, benedetta “tesi” che mi sembra sempre di intravedere con la coda dell’occhio dietro ogni pagina, troppo voluminosa per potersi nascondere del tutto, nonostante si sforzi in tutti i modi di passare inosservata.

Ma è un buon romanzo, è scritto con mestiere e talento, e ha qualcosa di importante da dire su di noi, e sul modo in cui vediamo il mondo, senza però sentirsi in diritto di farci la morale. Di quanti si può dire lo stesso?

Domenico Marino 

Annunci

Informazioni su unbuonlibrounottimoamico

Un amore così grande per la lettura che farei qualunque cosa pur di fare in modo che viva. Vedi tutti gli articoli di unbuonlibrounottimoamico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: