Il museo dell’innocenza | Orhan Pamuk

Titolo: Il Museo dell’innocenza
Titolo originale: Masumiyet Müzesi
Autore: Orhan Pamuk
Cenni sull’autore: Orhan Pamuk è nato a Istanbul il 7 giugno 1952. Ottiene un particolare successo nel 1982 con il romanzo d’esordio “Il signor Cevdet e i suoi figli”, affresco di tre generazioni di un’agiata famiglia di Nisantasi, il quartiere di Istanbul dove l’autore è cresciuto. A partire dai successivi romanzi, “La casa del silenzio” ed “Il castello bianco”, per giungere ai più celebri “Il mio nome è rosso” (miscellanea di mistero, passione e filosofia) e “Neve” (romanzo dai toni spiccatamente politici), viene a delinearsi sempre più compiutamente e “prepotentemente” uno dei temi fondamentali della scrittura di Pamuk: l’incontro, problematico e conflittuale, fra Oriente ed Occidente, che coinvolge e dilania tanto la dimensione esterna quanto quella interna dell’individuo. Tra gli altri titoli si ricordano: “Istanbul”, “Il libro nero”, una delle letture più controverse della letteratura turca, grazie alla quale Pamuk conquista il successo popolare, “La nuova vita”, divenuto il più rapido best-seller nella storia letteraria della Turchia, “Gli altri colori”, dura critica alla politica del governo turco nei confronti della minoranza curda, “La valigia di mio padre” e “Romanzieri ingenui e sentimentali”, ultima pubblicazione. L’autore è stato oggetto di persecuzioni ed episodi di dura censura in Turchia per le posizioni assunte in merito alla questione del massacro turco degli Armeni e dei Curdi compiuto durante la prima guerra mondiale. Il 12 ottobre 2006 viene insignito del premio Nobel per la Letteratura, in quanto “”nel ricercare l’anima malinconica della sua città natale, ha scoperto nuovi simboli per rappresentare scontri e legami fra diverse culture“.
Traduzione: Barbara La Rosa Salim
Anno di pubblicazione: 2008 (2009 in Italia)
Edizione: Einaudi, collana Numeri Primi
Pagine: 587
Costo: 14 €
-> Consigliato: Sì!

 

 

<<Una struggente storia d’amore ambientata nella Istanbul degli anni Settanta>>

Se dovessi pragmaticamente sintetizzare la natura de “Il Museo dell’innocenza” non potrei fare altro che storcere il naso e ricorrere anch’io, come i curatori dell’elegante edizione Einaudi, all’inflazionata definizione di trama ed annunciarlo come…Una tormentata storia d’amore.

Per quanto mi piaccia crogiolarmi nel ruolo di bastian contrario ed ancora di più in quello di intellettualoide da strapazzo, scettica nei confronti di tutto ciò che può essere classificato come l’ennesimo romanzo d’amore, è innegabile che il premio Nobel Orhan Pamuk abbia scelto di raccontare proprio questo genere di storia e che, accidenti, l’abbia fatto dannatamente bene e con classe.

Nonostante io scelga sempre la strada dello scetticismo misto a quel tanto di  snobismo che male non fa, non vengo risparmiata da continue “batoste letterarie” che, mai stanche della mia ottusità, ripetono come un mantra: la qualità di un romanzo spesso non va misurata in ciò che racconta, ma in COME lo racconta – La qualità di un romanzo spesso non va misurata in ciò che racconta, ma in COME lo racconta – La qualità di un romanzo spesso non va misurata in ciò che racconta, ma in COME lo racconta…

Credete forse che, se pur chiaro ed ovvio, direi forse banale, mi sia entrato in testa? Assolutamente no.

Entro in libreria. Adocchio Pamuk. Lo punto. Sguardo seducente. Smorfia cinica nel leggere in quarta di copertina “una struggente storia d’amore, ecc. ecc.”. Lo accompagno alla cassa: sì, ecco, in realtà avevo bisogno di una passionale storia alla lui-e-lei per affondare spensieratamente il naso nel piumone in compagnia di un kilo di gelato alla nocciola.

 

L’utilità pragmatica di questa pseudo-introduzione (so che vi state, peraltro legittimamente, chiedendo se effettivamente ce n’è una) è semplice: mostrarvi con quali motivazioni e speranze ho acquistato “Il Museo dell’innocenza”, per illustrarvi come le mie aspettative siano state felicemente soddisfatte su tutti i fronti.

 

Premesse:

A. Ero alla ricerca di una poetica avventura amorosa, che mi appassionasse, che mi consentisse una via di fuga “libresca” dalla realtà, che mi coinvolgesse a tal punto da trascinarmi in una dimensione diversa dalla mia, che si lasciasse leggere in totale ed entusiasta apnea.

B. Non desideravo assolutamente un insipido romanzetto rosa. Non ero assolutamente disposta a rinunciare alla qualità di un romanzo d’alta dignità artistico-letteraria.

 

Risultati:

A. La penna di Pamuk ha dipinto l’avventura di Kemal e Füsun, i due giovani turchi protagonisti de “Il Museo dell’innocenza”, guidato da autentico istinto per ciò che è intimamente reale, malinconicamente consueto ed empaticamente comprensibile, consumando, però, con viva energia, colori originali ed artisticamente innovativi. I sensori esperienziali del lettore sono vivamente scossi: immediata ed impetuosa è l’immedesimazione. Ma impulso alla curiosità, all’istinto di comprensione e all’ascolto non vengono sacrificati grazie ad un’abile miscela di elementi erotici, struggenti, energici, malinconci, accesi, languidi e rabbiosi: il vestito dell’ossessione amorosa è stropicciato e rivoltato in ogni singolo taschino, secondo ogni diversa cucitura, controcorrente ma a volte in preziosa sintonia con le pieghe del tessuto. Travolgente e coinvolgente, nell’interpretazione più stretta e letterale che entrambi i termini possono avere.

B. Pienamente all’altezza delle passate produzioni e, soprattutto, della spada di Damocle, quale è il Premio Nobel, che pende sul suo futuro letterario, Orhan Pamuk sceglie un percorso ancora più intimista e personale se confrontato con le scelte artistiche di romanzi come, ad esempio, “Neve” o “Il mio nome è rosso”, riproponendo la sua Istanbul in sublime scenografia, sempre fondamentale dimensione culturale e sociale, e correndo il rischio di denudare le argomentazioni sentimentali, comunque costantemente presenti nei suoi romanzi, dall’involucro e dal sostegno di temi di diversa natura (filosofici, politici e culturali), qui presenti ma non ingombranti. La miscela è sempre la medesima della prosa “pamukkiana”, diverso il dosaggio: il tormento angoscioso di Kemal e la misteriosa bellezza ed alterigia di Füsun sono indiscutibilmente in primo piano.
Perchè, caro lettore, dovresti leggere “Il Museo dell’innocenza”?
1.E’ una storia d’amore appassionante, se pur tremendamente malinconica e struggente (è bene che io ti avverta): se è ciò di cui ora necessiti, non esiste miglior titolo che potrei consigliarti.

2. E’ una storia d’amore che vale la pena di essere letta, perchè ha qualcosa da dire ed ha impazientemente desiderio e bisogno di farlo. Strumenti come una fluida ed elegante prosa, come un’architettura di trama avvincente, come una sapiente e scientifica analisi dell’individuo in una condizione di attesa, struggimento e angoscia si offrono da contorno al racconto di un (fittizio?) ricordo che vale la pena di essere ascoltato, perchè non mi viene in mente altra definizione dell’Amore se non “Il Museo dell’innocenza” in tutta la sua essenza.

 

Stefania Trombetta

Sempre riguardo Orhan Pamuk potete leggere la recensione di:
-> Neve

Annunci

Informazioni su unbuonlibrounottimoamico

Un amore così grande per la lettura che farei qualunque cosa pur di fare in modo che viva. Vedi tutti gli articoli di unbuonlibrounottimoamico

3 responses to “Il museo dell’innocenza | Orhan Pamuk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: