Donna per caso | Jonathan Coe

Titolo: Donna per caso
Titolo originale: The Accidental Woman
Autore: Jonathan Coe
Cenni sull’autore:  Nato in Inghilterra nel 1961, Coe ha insegnato poesia, suonato e corretto bozze finché non si è affermato come scrittore di talento e giornalista. Ha scritto opere tradotte in tutto il mondo, tra le quali La casa del sonno, La banda dei brocchi e La famiglia Winshaw. Donna per caso è il suo primo romanzo.
Anno di pubblicazione:  1987
Edizione: Feltrinelli
Traduzione:  Stefano Massaron
Numero pagine: 157
Costo: 6,50 €
-> Consigliato: Se non vi disturba leggere di una vita totalmente sprecata o se vi sentite vuoti, sì.

Maria avrebbe potuto risparmiarsi un bel po’ di infelicità – è difficile dire con esattezza quanta, al massimo non più di una vita intera, comunque.

 

Donna per caso, ovvero Una vita. Il breve romanzo di Jonathan Coe è semplicemente questo: niente avventure, niente colpi di scena, solo la storia di una donna. Ma non una donna come tante: Maria è un personaggio davvero singolare. Asettica, apatica, incapace di provare emozioni, quasi crudele a volte, è completamente in balia degli eventi. Fa ben poche scelte consapevoli, e quelle che fa si rivelano perlopiù sbagliate: rifiuta lo spasimante perfetto, si sposa con un uomo orribile senza pensarci troppo, fa un figlio che la odia sin da piccolissimo, si lascia guidare dal caso in ogni decisione importante, aspetta troppo o troppo poco, fatica a stringere legami perché si sente lontana da tutti e non è interessata all’amicizia. Del resto, nel corso della sua vita viene a contatto con personaggi davvero inquietanti, descritti con le pennellate di crudeltà tipiche della penna di Coe: episodi isolati e fulminei che lasciano il lettore a bocca aperta.

Ma il vero punto di forza di questo romanzo è la voce narrante: onnisciente e di parte allo stesso tempo, seleziona gli episodi più rilevanti della vita di Maria e si diverte a intervenire con commenti, battute e anticipazioni, sfruttando una vena di ironia tanto sottile quanto efficace.

Se vi piace lo stile di Coe, questa narrazione così particolare e ben riuscita vi farà sorridere, sogghignare, talvolta ridere apertamente: perché in fondo a volte le nostre vite sono così banali, così vuote, che l’antipatica e sprezzante Maria forse ha ragione: non vale la pena emozionarsi troppo né credersi tanto speciali.

È come se la protagonista vedesse se stessa dall’esterno, come se la vita che sta vivendo non fosse la sua ma quella di una perfetta sconosciuta, raccontata con distacco quasi sprezzante: effettivamente è difficile provare davvero qualcosa di profondo per un estraneo, e in ogni caso è nostro diritto non aver voglia di mostrarci entusiasti solo perché gli altri si aspettano che lo siamo. Ecco, diciamo che questa tematica è un po’ portata all’estremo – volutamente – nel caso di Maria, ma penso che chiunque abbia vissuto almeno una volta un’esperienza simile, un’occasione in cui tutti si aspettavano reazioni entusiastiche da parte nostra e noi invece avevamo solo voglia di goderci la notizia in santa pace, di rifletterci su, oppure di non pensarci affatto. O magari di raccontarla al gatto di casa, che ascolta tutto senza aspettarsi grandi entusiasmi.

Trovo difficile trarre una conclusione su questo libro così strano, che mi ha lasciato una sensazione indefinita, una certa vaghezza, il desiderio di vivere  in modo completamente diverso da Maria, e il timore di non riuscirci.

Maria si sentiva davvero felice quando era sola, ma il pensiero di restare sola per sempre la terrorizzava, perché era soltanto un essere umano – cosa questa che, si potrebbe tranquillamente affermare, era poi la fonte di tutti i suoi problemi.

Thais Siciliano

Annunci

Informazioni su unbuonlibrounottimoamico2011

Un amore così grande per la lettura che farei qualunque cosa pur di fare in modo che viva. Vedi tutti gli articoli di unbuonlibrounottimoamico2011

3 responses to “Donna per caso | Jonathan Coe

  • dafnevisconti

    Sembra interessante, ma vorrei essere certa che dopo averlo letto qualche nuovo pensiero si insinuasse nel flusso di quelli correnti. E’ così? Oppure si rimane proprio con un senso di indefinitezza? Grazie.

  • thais

    No, indefinitezza non direi. La vita di Maria è molto definita, forse anche troppo. Una vita in cui lei ha compiuto ben poche scelte, lasciandosi trasportare da schemi prestabiliti. Ho finito di leggerlo da una settimana circa, ma ogni tanto mi tornano ancora in mente alcune scene, certe riflessioni, stralci di dialoghi. Quindi direi che qualche pensiero su cui riflettere me l’ha lasciato…
    Presentata da un altro, sarebbe stata una storia davvero banale, ma come ho già scritto il narratore costruito da Coe entra nella storia come un vero e proprio personaggio, cinico, impaziente, ironico, davvero ben riuscito.
    Se decidi di leggerlo aspetto il tuo parere! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: