Diario di una scrittrice | Virginia Woolf

Titolo: Diario di una scrittrice
Titolo originale: A Writer’s Diary
Autore: Virginia Woolf, Leonard Woolf
Cenni sull’autore: Adeline Virginia Woolf, nata Stephen (Londra, 25 gennaio 1882 – Rodmell, 28 marzo 1941), è stata una scrittrice, saggista e attivista britannica. Considerata come uno dei principali letterati del XX secolo, attivamente impegnata nella lotta per la parità di diritti tra i due sessi; fu, assieme al marito, militante del fabianesimo, nel periodo fra le due guerre fu membro del Bloomsbury Group e figura di rilievo nell’ambiente letterario londinese.  Le sue più famose opere comprendono i romanzi La signora Dalloway (1925), Gita al faro (1927) e Orlando (1928). Tra le opere di saggistica emergono Il lettore comune (1925) e Una stanza tutta per sé (1929); nella quale ultima opera compare il famoso detto “una donna deve avere denaro, cibo adeguato e una stanza tutta per sé se vuole scrivere romanzi”. (via wikipedia)
Anno di pubblicazione: 2011
Edizione: BEAT. Edizione originale minimum fax
Curatore: Leonard Woolf
Traduttore: Giuliana De Carlo
Numero pagine: 418
Costo: 9,00€
-> Consigliato: A chi vuol addentrarsi nella vita di uno scrittore, nei retroscena delle sue opere.

Strano come la forza creativa rimette subito in sesto l’universo intero.”

Bisogna armarsi di passione e di pazienza per entrare nell’Io inespresso della Woolf, e salire sulle impalcature di quelle sue lente – e pur sempre operose – costruzioni letterarie. Leggere il suo diario è dare uno sguardo attento dapprima alla planimetria e poi al vero e proprio progetto, portato avanti con impegno e minuziosità, nell’esercizio della scrittura, nell’esercizio del vivere. È partecipare direttamente alla formazione delle fondamenta fatte di cemento armato: di carta e inchiostro, di tantissime letture classiche, moderne e contemporanee. È vedere sollevarsi pilastri d’operosi pensieri, squadrati e stabili, sul proprio lavoro di scrittrice e di critica letteraria. È ripararsi dietro mura spesse di mattoni, dentro la sua solitudine, protetta dai più cari amici e da Leonard, suo marito, il suo primo lettore, il suo più grande estimatore e supervisore di questo grande progetto diventato poi, un classico, una serie di classici. È guardare fuori dalle finestre la storia scorrere, la natura esplodere e la vita morire. È abbellire gli interni di uno stile perfezionato attraverso prove, revisioni, stroncature, tagli su tagli: essenziale. È ammirare infine una struttura costruita per resistere ai venti più forti della critica letteraria, ai terremoti più forti della vita, alla morte stessa.

“Non si scherza con le parole – non si può – quando si vuole che durino «in eterno».”

Era questa la Woolf, una donna forte che confidava nelle sue capacità ma che anche teneva molto a ciò che gli altri pensavano di lei. Si aspettava forti critiche, e puntuali arrivavano dopo ogni sua pubblicazione, e queste le servivano per rafforzarsi nelle sue intenzioni. Arrivavano pure molti complimenti e vendite inaspettate, e quest’altre contribuivano a farla sorridere di felicità e a crearsi dei risparmi che spendeva in libri, quaderni, viaggi, penne e calamai. Soffriva il vuoto dell’inoperosità, che arrivava sempre dopo le ultime frasi dei suoi libri, e aveva paura della morte, soprattutto quando sottraeva alla vita persone che riscopriva care. Lottava contro il fascismo e per la parità dei sessi, e per sua sfortuna visse gli ultimi suoi anni col pensiero costante di una guerra “inutile”: di altre morti.

Questa era la Woolf dedita a leggere e scrivere, vivere e morire.

Alessandro Casile

Riguardo Virginia Woolf potete leggere la recensione di:
-> La signora Dalloway
-> Le onde
-> Al faro

Annunci

Informazioni su unbuonlibrounottimoamico2011

Un amore così grande per la lettura che farei qualunque cosa pur di fare in modo che viva. Vedi tutti gli articoli di unbuonlibrounottimoamico2011

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: