La sonata a Kreutzer | Lev N. Tolstoj

Titolo: La sonata a Kreutzer
Autore: Lev N. Tolstoj
Cenni sull’autore: Lev Nikolaevič Tolstoj (1828 – 1910) è considerato uno dei maggiori scrittori della letteratura russa. Nacque da una famiglia di antica nobiltà, nel 1844 si iscrisse alla facoltà di lingue orientali dell’università di Kazan’, passando poi alla facoltà di legge, ma senza conseguire la laurea. Il servizio militare nel Caucaso e la partecipazione alla difesa di Sebastopoli ampliarono il suo orizzonte umano fornendogli materiale per i famosi “Racconti di Sebastopoli” e “I cosacchi”. Questi racconti, oltre ai primi romanzi autobiografici, “Infanzia”,“Adolescenza”, “Giovinezza”, lo imposero all’attenzione dei circoli letterari. Dopo alcuni anni trascorsi tra l’attività letteraria, un breve viaggio all’estero e l’insegnamento ai figli dei contadini, per i quali aveva aperto una scuola a Jasnaja Poljana, Tolstoj sposò nel 1862 la giovane Sofia Andreevna Bers. Nel 1865 comparve la prima parte del romanzo “Guerra e pace”, condotto a termine nel 1869. Il secondo grande romanzo di Tolstoj, “Anna Karenina”, iniziato nel 1873 e concluso dopo una laboriosa stesura nel 1878, lascia trasparire già i segni di una crisi morale e religiosa, che dopo qualche anno si risolse nella conversione. Sul piano umano e sociale, Tolstoj condannava la proprietà privata e predicava la resistenza non-violenta al male e la comunanza dei beni. Le ultime sue composizioni, il romanzo“Resurrezione”, “La morte di Ivan Ilič” e “La sonata a Kreutzer” 
costituiscono il tentativo di adattare le sue idee religiose all’opera letteraria. Il dissidio sempre più forte maturato tra Tolstoj e la famiglia e l’incapacità di modellare la realtà ai principi etici e religiosi che predicava, lo spinsero a una fuga drammatica, che si concluse tragicamente con la morte dello scrittore nella stazione di Ostapovo.
Edizione: Bur Superclassici
Traduzione: Mario Visetti
Numero pagine: 151
Consigliato: Assolutamente sì

Sono un rudere, io, un menomato. Una cosa sola c’è in me, so “io”: e ho fede di sapere quello che non tutti riusciranno a conoscere tanto presto.

son kreut

Qualche tempo fa, nel tentativo di consolare un’amica che, avendo lasciato il proprio ragazzo e avendolo rivisto con un’altra, si sentiva quantomai sola e ripeteva “Alla fine rimango sola sempre e solo io”, ho compiuto uno degli errori più grossi della mia carriera di consolatrice. Le ho risposto, con la convinzione di darle sicuramente molto sollievo, quello che da tempo ho constatato: “Sei solo anche quando stai con qualcuno”. L’altra ragazza che era al momento con noi ha tremato sul posto, tanto il movimento di dissenso espresso dalla sua testa era forte. “No, se stai con qualcuno non sei solo”, ha detto mitigando l’indignazione con una risata nervosa “solo che…” ed è passata ad altre consolazioni socialmente più accettabili.
Be’, bella mia, bisogna vedere allora che cosa si intenda per solitudine. Se si fa riferimento solo al piano fisico, allora tanto vale prendersi un gatto. Ma se si intende quello spirituale, allora posso portare sul banco delle prove tutta una caterva di sensazioni, pensieri, angosce e costrutti mentali che dimostrano quanto due persone, seppure insieme, seppure unite in una relazione più o meno stabile, siano in realtà lontane anni luce e addirittura parlino (e più spesso non parlino) lingue diverse.
Se avete letto il libro, capirete perché io, incontrando Pozdnysev su quel treno diretto dalla notte verso l’alba, mi sia sentita invasa da un sentimento di rivalsa.

“L’amore… l’amore è la preferenza assoluta di una, o di uno, nei confronti di tutti gli altri.”
“Preferenza per quanto tempo: un mese, due mesi, mezz’ora?”
“No, scusi, lei evidentemente parla di un’altra cosa.”
“No, parlo proprio di questo. […] È una cosa che succede solo nei romanzi, nella vita vissuta non capita mai. Nella vita pratica succede forse che tale preferenza duri un anno, ed è già un fatto raro, più spesso mesi, quando non settimane, o giorni, o anche ore”[…]
“Oh, ma che dice! Ma no, via!” esclamammo tutti a una voce.
“Sì, signori, lo so bene” scattò il signore canuto alzando la voce più di noi. “Voi parlate di ciò che credete avvenga, io parlo di ciò che è. Ogni uomo prova per qualsiasi bella donna quello che voi qualificate amore.”

Quando una scultura è coperta da un velo, possiamo indovinarne il soggetto dalle forme, la bellezza dalla grazia dei lineamenti, dall’armonia dei drappeggi. Ma se, caduto il velo, vi scopriamo un mostro, allora solo due cose possiamo fare: ricoprirlo rapidamente, per non vederlo più, e star bene attenti a non dirlo a nessuno, oppure possiamo fermarci a contemplarlo e prendere atto della sua esistenza. Se una qualche bruttura ci viene rivelata da un’esperienza personale, e quindi ci troviamo come l’illuso ammiratore che vede cadere il velo, percepiamo la colpa come nostra, vedendo che nessun altro ha scoperto la verità (non può essere vero se nessuno l’ha visto). E stiamo zitti, cercando di ricordare l’impressione che la scultura coperta ci aveva dato. Ma provate a levare il velo all’improvviso davanti a un gruppo di persone prese dall’ammirazione per quelle forme idealizzate: la disillusione li armerà contro di voi.
Tolstoj fa questo: prende un uomo disilluso che si fa beffe dell’amore come sentimento nobile ed elevato, trattandolo per quello che è – un desiderio fisico, lo mette in un treno tra tanti illusi, e poi lascia che racconti la sua storia, mentre il giorno diventa notte e la luce abbandona sempre più il suo volto tanto da lasciare distinguibile, verso fine, solo la sua voce. Una voce tra le tante, una voce come le altre. Poi, è l’alba. Si scende dal treno e tutto ricomincia.

Il treno di Tolstoj va dritto dritto verso il punto che lui vuole smuovere nelle coscienze dei suoi contemporanei: poiché l’amore è fisico, e di conseguenza è cosa ben volubile, allora diamoci alla castità, e sposiamoci definitivamente, senza mai divorziare, per giustificare la nostra maialeria e riscattarci dal nostro peccato educando i figli alla castità. E se poi ci estinguiamo, allora sarà il regno di Dio (tanto prima o poi deve accadere). Ed è qui che la nostra idea diverge, solo nel rimedio. Perché per giungere a questa cattolicissima conclusione, lui opera le persone a cuore aperto, tirando fuori i pensieri e le realtà più viscide e inguardabili, senza cercare di occultare alcunché: Pozdnysev è cinico anche verso se stesso, non è pronto a trovare in altri la giustificazione della propria condotta.

Per sottolineare quanto il suo racconto sia molesto, Pozdnysev alterna le parole alle scuse. Scusi se vi incomodo, sarà stanco, non vorrà più ascoltarmi, né salutarmi e tenermi la mano. Con la rassegnazione di chi sa di aver compiuto un reato imperdonabile (anzi, due).

Tolstoj non è poi così cinico, se si considera la soluzione che propone all’impossibilità dell’amore coniugale. Mi meraviglio dell’ingenuità della sua conclusione, dopo la performance di Pozdnysev. Ha fatto molto di più Saul Bellow, quando in  Un futuro padre  ha scombussolato un normalissimo fidanzatino con il terrore di mettere al mondo figli disgraziati, odiosi, aventi tutti i difetti peggiori della loro madre e dei loro nonni, lo ha fatto decidere sulla necessità di troncare ogni rapporto con la fidanzata scroccona e arraffona, e poi, come se nulla fosse, gli ha fatto dimenticare tutto grazie al fatto che la fidanzata ha deciso di lavargli i capelli, e gli ha massaggiato dolcemente la testa.
Ma erano tempi diversi, religioni diverse. Col tempo, sicuramente, ci siamo inaciditi.
Sempre sotto il velo, però.

Elisa Lai

Sempre riguardo Lev Tolstoj potete leggere la recensione di:
-> Guerra e pace

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: